Tendi la tua mano al povero

Tendi la tua mano al povero

Una Parola antica, ripresa da Papa Francesco nel suo Messaggio per la 4^ Giornata Mondiale dei Poveri, e che prendiamo a prestito per raccontarvi e così farvi partecipi della CARITAS di COLLABORAZIONE.

Ancora qualche parola di Papa Francesco:

“Tendi la tua mano al povero” (cfr Sir 7,32). La sapienza antica ha posto queste parole come un codice sacro da seguire nella vita. Esse risuonano oggi con tutta la loro carica di significato per aiutare anche noi a concentrare lo sguardo sull’essenziale e superare le barriere dell’indifferenza. La povertà assume sempre volti diversi, che richiedono attenzione ad ogni condizione particolare: in ognuna di queste possiamo incontrare il Signore Gesù, che ha rivelato di essere presente nei suoi fratelli più deboli (cfr Mt 25,40) …

Sempre l’incontro con una persona in condizione di povertà ci provoca e ci interroga. Come possiamo contribuire ad eliminare o almeno alleviare la sua emarginazione e la sua sofferenza? Come possiamo aiutarla nella sua povertà spirituale? La comunità cristiana è chiamata a coinvolgersi in questa esperienza di condivisione, nella consapevolezza che non le è lecito delegarla ad altri.

E per essere di sostegno ai poveri è fondamentale vivere la povertà evangelica in prima persona. Non possiamo sentirci “a posto” quando un membro della famiglia umana è relegato nelle retrovie e diventa un’ombra. Il grido silenzioso dei tanti poveri deve trovare il popolo di Dio in prima linea, sempre e dovunque, per dare loro voce, per difenderli e solidarizzare con essi davanti a tanta ipocrisia e tante promesse disattese, e per invitarli a partecipare alla vita della comunità.

È vero, la Chiesa non ha soluzioni complessive da proporre, ma offre, con la grazia di Cristo, la sua testimonianza e gesti di condivisione. Essa, inoltre, si sente in dovere di presentare le istanze di quanti non hanno il necessario per vivere. Ricordare a tutti il grande valore del bene comune è per il popolo cristiano un impegno di vita, che si attua nel tentativo di non dimenticare nessuno di coloro la cui umanità è violata nei bisogni fondamentali …

Parola e parole che, come Caritas, sono l’anima del nostro essere ed agire.

E di seguito il volto concreto:

Nella Collaborazione Pastorale di Musile attualmente la Caritas è presente con:

  • Centro di Ascolto Presso la Canonica della Parrocchia di Musile (in fase di attivazione)
  • Centro Raccolta e Distribuzione Viveri Presso l’Oratorio Parrocchiale di Musile (Distribuzione: ogni primo e terzo giovedì di ogni mese, con orario: 9.30 – 11.00)

Nel corso del 2020 il Centro ha garantito la distribuzione a circa una trentina di famiglie che regolarmente si presentano per ricevere le borse spesa. Sono per la maggior parte nuclei di cittadinanza straniera con una media di 4/5 componenti, tra cui bambini piccoli, in età scolare, adolescenti e giovani studenti o in cerca di lavoro. Ma in questi ultimi mesi sono aumentate anche famiglie delle nostre parrocchie e gli anziani.

Per consentire il rispetto delle norme di contenimento epidemico purtroppo viene ridotto il tempo dedicato all’accoglienza e al dialogo e, si rende necessaria la presenza di più operatori per lo svolgimento del servizio, ma le risorse umane sono poche!

Dalla prima domenica di settembre è stata avviata in tutte le parrocchie della Collaborazione la “domenica della Carità”, una raccolta ordinaria di generi alimentari e di prodotti per l’igiene personale.

È comunque possibile donare durante tutto l’anno presso “l’angolo della Carità” allestito in uno degli altari laterali delle varie chiese parrocchiali.

Raccolta e Distribuzione Indumenti

Riporta da Gioper bambini e ragazzi

Presso la Canonica di Millepertiche

Il Centro è temporaneamente chiuso a causa dell’emergenza Covid.

In questo momento particolare, per eventuali informazioni e/o richieste ci si può rivolgere al Centro distribuzione viveri a Musile, nei giorni e orari indicati, oppure telefonare a Gianna al 3487057749 o a Eliana al 347156608.

Progetto “LIBRI IN CIRCOLO- La cultura della carità”

Cliccando sul sito www.comprovendolibri.it/cataloghi/marcocagol  è possibile acquistare on line libri usati o nuovi che sono stati donati, rimettendoli in circolo per un fine di generosità e solidarietà. Il ricavato delle offerte proveniente dalla vendita di questi libri è un ulteriore contributo economico per gli aiuti erogati dalla Caritas.  Prima dell’emergenza Covid, l’iniziativa è stata proposta anche in occasione delle Sagre parrocchiali e qualche ricorrenza civile.

Qualche ulteriore informazione

Abbiamo avviato una rete di comunicazione e collaborazione con altre realtà del territorio: Servizi Sociali dei due Comuni di Musile e San Donà di Piave; Centro di Ascolto della Caritas della Collaborazione Pastorale di San Donà di Piave; Emporio Solidale; Croce Rossa.

In attesa di rendere operativo il nostro Centro di Ascolto, e di mettere a disposizione un recapito telefonico e un indirizzo mail, cosa che contiamo di poter fare nei prossimi mesi, per informazioni o necessità, rivolgetevi al Parroco della vostra Parrocchia.

Ringraziamenti

Ogni tanto può far bene chiedersi il perché di alcuni nostri gesti per ritornare al cuore, alla motivazione profonda di ciò che facciamo.

Potremmo scoprire che vale la pena donare semplicemente perché siamo dei Cristiani, e perché come tali non possiamo vivere la nostra vita nell’indifferenza di chi è accanto a noi, soprattutto se chi ci è vicino è nella sofferenza o nella povertà.

Potremmo capire che sosteniamo Caritas perché crediamo sia una modalità concreta per mostrare al nostro fratello bisognoso il volto di Cristo che incontra, che accoglie, che condivide, che accompagna nei momenti più difficili della vita, senza guardare al suo colore della pelle, al suo credo, ai piccoli o grandi errori commessi.

GRAZIE di cuore, dunque, a quanti, singole persone, famiglie e altri Enti o Gruppi, delle nostre Parrocchie e Paesi, in questo tempo hanno manifestato e continuano a manifestare atteggiamenti di generosità e prossimità.

La Caritas di Collaborazione

Lascia un commento